Immagine News

Come affrontare i lavori nei sotterranei

2387 visualizzazioni

Come già illustrato in precedenza, tutte le attività lavorative che vengono svolte in luoghi sotterranei, vengono considerate attività in spazi o ambienti confinati. Proprio per questo motivo, anche il sistema di prevenzione svizzero, ha definito una serie di regole d’oro per approcciarsi correttamente a tali lavori, definendo delle misure di prevenzione e protezione ad hoc; tali indicazione sono rivolte ai datori di lavoro, ai preposti e ai lavoratori.

 

Regole per approcciarsi ai lavori in spazi confinati

Le regole d’oro definite sono:

  1. Per ogni cantiere redigere un piano operativo di sicurezza dettagliato ed attinente;
  2. Predisporre un adeguato ricambio e trattamento di aria nei lavori in galleria, o in sotterranei particolarmente complessi;
  3. Prevedere una circolazione pedonale ed eventualmente veicolare, sicura, chiara e ben definita;
  4. Assicurarsi che gli addetti ai lavori siano ben visibili in quanto ben posizionati in relazione ai lavori da eseguire;
  5. Mantenere costantemente un contatto visivo con gli operatori di macchine ed attrezzature di lavoro;
  6. Utilizzare le macchine di lavoro, solo a cura di personale adeguatamente formato allo scopo;
  7. Trasportare i carichi in sicurezza, assicurandosi di averli ancorati al meglio;
  8. Realizzare accessi alle postazioni di lavoro, sufficientemente sicuri;
  9. Usare tutti i dispositivi di protezione individuale necessari (tra cui eventualmente anche gli autorespiratori).

 

Spazi confinati e formazione dei lavoratori

A fronte delle buone prassi da mettere in atto nei lavori in spazi confinati, è necessario che tutti i lavoratori siano stati formati allo scopo; tale formazione prevede sostanzialmente due fasi:

- una prima parte teorica, sulle misure di sicurezza da adottare, sulla gestione delle emergenze, ecc.; 

- una seconda parte di addestramento pratico, dove si imparano ad utilizzare in modo corretto le attrezzature specifiche per gli ambienti confinati, le protezioni delle vie respiratorie, la gestione delle emergenze.